24 Novembre 2019 - Ignazio Caddeo

Amatori Alghero ancora battuta: a Maria Pia netto 47-17 della Accademia Nazionale Francescato

Serie B. Sconfitta anche per il Capoterra contro il XV del Franciacorta

ALGHERO - Nonostante un primo tempo giocato davvero bene dagli algheresi che hanno trovato subito il vantaggio di tre punti con un piazzato realizzato da Micheli. Gli avversari sono andati in meta 8’ dopo con Lai per i primi 5 punti di giornata diventati 7 con la trasformazione di Pozzobon. Ma Serra e compagni non si sono fatti intimorire e hanno risposto in egual modo, andando in meta con Poloni e la trasformazione di Micheli che hanno portato il punteggio sul 10-7. Ma nel finale di primo tempo, Cannone è riuscito a scappare e mettere in meta la palla del 10-12 (vista la mancata trasformazione), con la quale si è chiusa la prima frazione. Nei secondi 40’ l’Accademia ha preso piede e ha cementato la vittoria segnando altre 5 mete con Megiano, Batista all’8° e al 42° e  Andreani a segno al 17° e poi al 40°. In tutto questo l’Alghero che a metà gara ha dovuto fare a meno anche di Sciacca uscito per infortunio e che già era partita con diverse defezioni, ha trovato altri 7 punti con la meta di Michel trasformata da Micheli, oggi sempre preciso, che hanno fatto salire a 17 i punti dell’Amatori. Da registrare il doppio giallo che l’arbitro ha inflitto agli ospiti, il primo al 24’ a Spagnolo e al 30° a Jelic. Nonostante la sconfitta resta una buona prestazione dell’Alghero contro la capolista Accademia, soprattutto nel primo tempo dove la formazione locale ha sfoderato un agonismo meritevole di plauso. Di contro un avversario che ha dimostrare di meritare la vetta provvisoria di questa classifica e con i 5 punti guadagnati oggi sale a quota 20.

SERIE B.  Anche con il Rugby Franciacorta il Capoterra deve issare la bandiera della resa sconfitta nel quinto turno di andata del campionato di serie B maschile fermata per 38-13. Ancora una volta tanto gioco, tante occasioni da parte della squadra di Capoterra, ma alla resa dei conti il successo è andato alla formazione lombarda che ha sfruttato al meglio le indecisioni difensive e le tante ingenuità commesse dal XV di Capoterra nel corso degli 80’. Si parte con il gruppo allenato da Alejandro Echoyez che, a testa bassa cerca subito di mettere in difficoltà la retroguardia del Franciacorta Rugby. Tutti gli sforzi iniziali da parte di capitan Garau e compagni sono premiati dopo soli 5’ di gioco dai primi 5 punti della gara arrivati con una meta di moul. Si va avanti, anche perché l’esiguo vantaggio non basta. Capoterra corre, lotta e cerca in tutti i modi di contrastare il gioco degli avversari evitando, soprattutto di commettere errori. All’11 però la squadra di casa accorcia su punizione (5-3). Il tempo di ripartire che Farias porta altri tre punti nel carniere dell’Amatori. Suo il drop che consente alla squadra isolana di portarsi sull’8-3. Sembra andare tutto per il verso giusto, ma in questi casi il pericolo è sempre in agguato. Una disattenzione per l’Amatori e al 16’ arriva la meta da parte dei padroni di casa (che non trasformano, ma pareggiano 8-8). Azione che in qualche modo mette in difficoltà (soprattutto mentale) la formazione dell’Amatori. Sul pareggio il tecnico argentino Eschoyez prova a catechizzare il squadra evitando che perda la testa e la concentrazione. Dall’altra parte, invece sembra che tutto giri per il verso giusto. Alla mezz’ora il Franciacorta Rugby passa in vantaggio su punizione (11-8) e dopo 6’ arriva anche l’allungo grazie ad un nuovo pallone piazzato da parte dei lombardi dietro la linea di fondo e successiva trasformazione. Il primo tempo si chiude con i lombardi in vantaggio sul punteggio di 16-8.

Eschoyez ci vuole parlare sopra e, negli spogliatoi durante il riposo lungo, prova a caricare il gruppo nel tentativo di scuoterlo, ma tutte le indicazioni e i suggerimenti del tecnico di Capoterra non sono utili per sbloccare i ragazzi in campo. Al rientro infatti è ancora il Franciacorta a fare la voce grossa e a sfruttare uno svarione difensivo del Capoterra per andare con l’ovale dietro i  pali e trovare anche la trasformazione: 23-8. Con un parziale di 20 a 0 chiunque avrebbe issato bandiera bianca, ma non l’Amatori che non vuole arrendersi. al 9’ una meta di moul sembra caricare il gruppo (23-13) che prova a tutti i costi a riorganizzare la rimonta. Ma come accade dall’inizio della stagione il Capoterra costruisce tanto, crea gioco ma quando si tratta di chiudere l’azione sono dolori. Dall’altra parte invece la compagine lombarda non si fa incantare e, sfruttando ancora una volta qualche svarione difensivo degli ospiti riesce ad andare in meta per due volte di fila (non trasformando) portandosi a pochi minuti dal termine del match sul 33-13. Capoterra tenta il tutto per tutto, ma nel finale il Franciacorta piazza dietro i pali il colpo di grazia, costringendo l’Amatori alla terza sconfitta di fila.