23 Febbraio 2019 - Ignazio Caddeo

Poule salvezza. L’Hermaea attende Montecchio, coach Anile: “Deve essere la partita della svolta”

Barazza e compagne, ultime in compagnia di Marsala, non possono permettersi altri passi falsi contro le venete

OLBIA - Le buone prestazioni ora non bastano più. L’ultimo posto in compagnia di Marsala, arrivato dopo la sconfitta di domenica scorsa a Sassuolo e le contemporanee vittorie delle siciliane e del Volley Group Roma, impone all’Hermaea Olbia di muovere al più presto la classifica. Per riavvicinare la zona salvezza, distante sempre 6 punti, sarà necessario superare la Sorelle Ramonda Ipag Montecchio, terza nella graduatoria della Poule Salvezza alle spalle della P2P e di Sassuolo.  Le venete di coach Beltrami arriveranno in Sardegna (si gioca domani alle 17 al PalAltoGusto) per riscattare il passo falso in casa del Volley Group. Ed è proprio questo risultato, in qualche modo, ad alimentare le speranze delle biancoblù: "Sono rimasto sorpreso – ammetta coach Anile – Montecchio è una squadra giovane, con un tasso di fisicità non eccelso, ma che in generale stava vivendo un buon momento di forma". Nel roster della Sorelle Ramonda militano due vecchie conoscenze dell’Hermaea come Benedetta Bartolini e Francesca Trevisan: "Due ottime giocatrici che si sono fatte apprezzare nonostante gli infortuni – prosegue il coach – Francesca ha una funzione particolare all’interno della squadra, perché viene spesso impiegata in sostituzione delle schiacciatrici titolari Pamio e Michieletto". Non una sola star, ma tante giocatrici dal discreto tasso tecnico al servizio della squadra: "La loro forza è senza dubbio il collettivo – aggiunge – difendono tantissimo e, non avendo grandi fisicità, ovviamente prediligono un gioco rapido per poter evitare il muro. Beltrami è un ottimo allenatore, e il suo curriculum lo dimostra (è attualmente assistente allenatore della nazionale olandese, ndr). Sta svolgendo davvero un buonissimo lavoro".

L’Hermaea però non può permettersi calcoli di sorta. Fare punti è la priorità assoluta: "Non è l’ultima spiaggia, ma quella di domenica deve essere la partita della svolta. Voglio vedere una squadra concentrata, cattiva dal punto di vista agonistico e sempre presente. Arriveranno le difficoltà, ma non dovremo abbatterci e trovare strategie per superare lo scoglio". Infine, l’appello: "Ora abbiamo davvero bisogno della gente che ci vuole bene – conclude - spero di vedere tanti tifosi sugli spalti del PalAltoGusto. Mi rivolgo a tutti gli appassionati di pallavolo in Sardegna: chi può venga a sostenerci".