12 Novembre 2017 - Redazione Isola24Sport

Non basta una super Uchiseto. La Golem Hermaea mastica amaro: Marsala vince 3-1 a Olbia

GOLEM HERMAEA OLBIA: Simoncini, Iannone, Huchiseto 21, Spinello 4, Provaroni 6, Bartolini 11, Soos 17, Cecconello, Barbagallo, Caboni, Muresan 3, Barazza 6, Murru. All.: Giangossi

MARSALA: Mucciola, Cazzetta (L), Furlan 11, Rossini 20, Merteki 16, Marinelli (L), Agostinetto 2, Murri, Biccheri 2, Facchinetti 8, Ventura 11, Gabbiadini. All.: Campisi

ARBITRI: Carcione e Bassan

PARZIALI: 24-26, 23-25, 25-20, 13-25

OLBIA - Pomeriggio stregato per la Golem Hermaea, che cade in casa per tre set a uno contro la Sigel Marsala, fanalino di coda del campionato di Serie A2. Prestazione decisamente sottotono per le ragazze di Pasqualino Giangrossi, che fin dalle battute iniziali del match hanno sofferto la maggior precisione delle siciliane, trascinate da un’ottima Rossini. In casa Hermaea, invece, non è bastata un’altra grande prestazione di Mami Uchiseto. Dopo una lunga fase punto a punto, Marsala riesce a piazzare il break nel primo set, che la porta in vantaggio di 4 lunghezze sul 16-20. Le siciliane sembrano amministrare, ma devono subire il ritorno della Golem, che grazie al buon lavoro a muro di Bartolini riesce a riportare il punteggio in parità. A quel punto, però, alle padrone di casa manca lo spunto decisivo, mentre Marsala trova nuove certezze con gli attacchi vincenti di Merteki e Rossini portandosi sull’1-0 nel conto set. La seconda frazione di gioco inizia con una veemente reazione da parte delle padrone di casa, che si portano nettamente in vantaggio sull’11-4. L’inerzia, però, sfugge improvvisamente di mano a Barazza e compagne, che incassano un break di cinque punti. Marsala quindi ritorna a contatto e trova la parità con i punti messi a terra da Furlan e Rossini. La sfida procede sui binari dell’equilibrio fino al 20-20, quando un errore in battuta di Murru rilancia le quotazioni delle lilybetane, che grazie alle diagonali di Ventura Ferreira riescono a portare a casa anche il secondo set sul 23-25. La Golem, con le spalle al muro, riesce a scuotersi al rientro in campo, guadagnando anche 8 punti di margine sulla Sigel. Le siciliane, dal canto loro, non tirano il fiato e rilanciano, riuscendo a ricucire fino al -3. L’Hermaea, affidandosi soprattutto alle iniziative di Uchiseto e Soos, stavolta non si piega e chiude in vantaggio sul 25-20.

Il pubblico del PalAltoGusto si attende un nuovo scatto d’orgoglio da parte delle proprie beniamine, la cui partita, però, finisce sostanzialmente qui. Perché la Golem, complice anche il riacutizzarsi dell’infortunio al ginocchio di Provaroni, è totalmente assente nel quarto set, dominato in lungo e in largo dalla Sigel Marsala. Le siciliane chiudono facilmente i conti sul 13-25 e archiviano la pratica, conquistando la tanto attesa prima vittoria in campionato. Arriva dunque una sconfitta su cui riflettere per la Golem, che avrà l’occasione per un pronto riscatto domenica prossima, ancora sul taraflex amico del GeoVillage, contro Brescia.