24 Febbraio 2019 - Ignazio Caddeo

La Poule Salvezza è ancora stregata, anche Montecchio passa al PalAltoGusto 3-0

Le galluresi esprimono a tratti del bel gioco ma non riesce a portare via punti dal delicato match contro le venete

HERMAEA OLBIA: Maruotti 13, Taje' 7, Bacciottini 1, Hurst 12, Barazza 3, Fiore 13, Modena (L), Padula. NE: Giometti, Mele. All.: Anile

MONTECCHIO: Bovo 2, Giroldi 1, Pamio 14, Bartolini 10, Carletti 5, Michieletto 10, Pericati (L), Trevisan 5, Stocco 3, Larson 1, Frison, Fiocco. All.: Beltrami.

PARZIALI: 19-25 in 3524’, 25-27 in 35’ 19-25 in 25'. Tot.: 84’

OLBIA - Ancora un passo falso per l’Hermaea, che subisce la terza sconfitta consecutiva nella Poule Salvezza nella Serie A2 di Volley. Stavolta a uscire con i tre punti dal PalAltoGusto è stata la Sorelle Ramonda Ipag Montecchio, che pur non mostrando mai una superiorità schiacciante rispetto alle biancoblù, è riuscita ad avere la lucidità necessaria nei momenti clou della partita per condurre in porto il risultato pieno. La partita è molto equilibrata in avvio. L’Hermaea tiene costantemente il ritmo delle avversarie, e con il muro vincente di Bacciottini si porta sul +2 (12-10). Montecchio, dal canto proprio, impatta a 13 con Michieletto. Nonostante i numerosi errori in battuta delle galluresi, le due squadre vanno a braccetto fino al 18 pari, poi le venete accelerano inesorabilmente. Sul 19-21 Anile interviene con il timeout, ma la formazione di Beltrami fa sua con sicurezza la prima frazione mettendo a terra l’ultimo punto con l’ex Bartolini (19-25). Nel secondo set parte ancora forte l’Union Volley (1-3), ma l’Hermaea torna in scia e poi sorpassa con 2 ace consecutivi di Hurst (5-4). Il vantaggio dà certezze a Barazza e compagne, che giocano con grande disinvoltura e – con Fiore e Tajè sugli scudi – sembrano prendere il largo sul +7 (17-10). Ancora una volta, però, manca la freddezza necessaria per chiudere i giochi. Montecchio ne approfitta, mette in difficoltà la ricezione di casa e fa registrare un parziale di 4-0 che la riporta a contatto (20-19). Hurst prova a rilanciare le quotazioni dell’Hermaea con un paio di attacchi vincenti. Montecchio però sorpassa sul 21-22 dopo l’errore di Maruotti e poi non si volta più firmando con Trevisan i punti che valgono lo 0-2 nel conto set. 

Il contraccolpo psicologico si fa sentire, e lo si nota fin dalle primissime battute del terzo game (1-4 Montecchio con l’ace di Stocco). Anile spende subito il timeout per cercare di rianimare le sue, che rispondono positivamente e pian piano risalgono la china fino a sorpassare sul 9-8 grazie al mani-out di Fiore. La gara va avanti punto a punto, poi Montecchio piazza un’altra accelerazione letale (14-18). L’Hermaea stavolta non ha le forze per reagire, e scivola progressivamente indietro. Le ospiti conquistano la palla match con Pericati: Maruotti annulla la prima, ma poi Bartolini scrive la parola fine sulla sfida e condanna le olbiesi alla terza sconfitta nella Poule Salvezza. Con questa sconfitta la situazione di classifica, purtroppo, si è complicata ulteriormente a causa dei successi ottenuti da Cutrofiano e Marsala: ora l’Hermaea è ultima da sola con 7 punti di ritardo sulla zona salvezza.

Questa l’analisi post partita di coach Michelangelo Anile: "Nonostante i ben nove errori in battuta, nel primo set siamo riusciti a stare lungamente in vantaggio. Nel secondo abbiamo espresso una buona pallavolo, ma nel momento di difficoltà la squadra non è riuscita a trovare le contromisure per fermare la rimonta di Montecchio. Nel terzo, invece, sono mancate le energie, anche mentali, per rientrare in partita. La panchina? Quella di Montecchio è sicuramente più lunga della nostra, ma non è un alibi. Beltrami è stato molto bravo a mischiare le carte e a trovare le risorse all’interno della sua squadra. La classifica non è delle più rosee, ma fino a quando la matematica non ci condannerà noi faremo di tutto per cercare di difendere la categoria".