29 Dicembre 2018 - Ignazio Caddeo

L´Hermaea Olbia vuole chiudere l´anno con il sorriso battendo Caserta

Le galluresi cercano una reazione dopo il passo falso di Martignacco e attendono al PalAltoGusto le campane dell´ex Giulia Melli

OLBIA - Cancellare la brutta prestazione di Martignacco e concludere bene il 2018. E' duplice l'obiettivo dell'Hermaea Olbia, che domani pomeriggio al PalAltoGusto (ore 16.30 arbitri Armandola e Santoro) riceverà la visita della VolAltoCaserta di coach Bracci, quarta in classifica con 24 punti. Le galluresi sono chiamate a una decisa reazione, anche perchè la sfida pre natalizia contro Mondovì ha dimostrato che l'Hermaea può dire la propria anche contro avversarie più quotate: "Sabato abbiamo in programma una doppia seduta incentrata su tecnica e tattica – spiega Michelangelo Anile, tecnico della formazione olbiese – quindi domenica mattina faremo una seduta di rifinitura. Ci concentreremo sulla battuta, fondamentale determinante che a Martignacco è decisamente venuto meno, ma cercheremo di correggere anche la nostra ricezione". Comporre il sestetto titolare non sarà semplicissimo. Non ci sarà, infatti, il libero Simona Degortes, che nella giornata di venerdì ha effettuato una visita di controllo: "A questo punto speriamo di averla in campo per la gara del 6 gennaio – prosegue il coach – per noi è una giocatrice fondamentale. Tutte le altre sono a disposizione, devo solo capire chi è più in forma e gli ultimi allenamenti prima della gara saranno importanti in questo senso".

A Olbia è attesa una delle squadre più in forma del momento: "Caserta sta facendo benissimo nonostante l'infortunio di Perez – aggiunge – hanno adattato Frigo, una centrale, nel ruolo di opposto e la squadra non ne ha minimamente risentito. Bracci ha dato la giusta quadratura, e ora stanno rendendo secondo le aspettative di inizio anno". Nel match di domenica l'Hermaea dovrà difendersi dai potenti attacchi dell'ex Giulia Melli: "E' cresciuta tantissimo e non sarà semplice fermarla. Ma in generale Caserta ha un roster fortissimo, nel quale è difficile trovare dei punti deboli. Tra le altre non dimentichiamo Dalia, che può a pieno titolo considerarsi una delle stelle della categoria". Su quali aspetti tattici farà leva l'Hermaea per sorprendere le campane? "Non possiamo prescindere, come già sottolineato, dalla battuta. Contro Mondovì abbiamo costretto Valpiani a muoversi tanto per sistemare la ricezione, e dovremo fare la stessa cosa con Dalia. Dovremo stare inoltre attenti in ricezione e giocare maggiormente con i centrali".