23 Marzo 2019 - Ignazio Caddeo

La Raimond Sassari perde a Parma 23-22 ma conserva la vetta

I rossoblu cadono al PalaDelBono ma rimangono primi

PARMA (EMILIA ROMAGNA) - La Raimond Handball Sassari esce sconfitta dal PalaDelBono nel big match della ventitreesima giornata del girone B del campionato di A2. 23-22 il punteggio finale in favore dei ragazzi di Galluccio che salgono a quota 34 punti, agganciando in classifica i rossoblu ma rimanendo secondi per non essere riusciti a colmare il -9 della gara d’andata. Semmai ce ne fosse stato bisogno, si accende ulteriormente il duello per il primo posto finale al termine di questo succulento anticipo di playoff che ha visto le due contendenti rinunciare a un top player per parte (Pagano per i padroni di casa, Cantore per gli ospiti). Il primo tentativo di fuga è targato Parma che, tra il 5’ e l’11’, lavora forte in difesa lasciando a secco il miglior attacco del campionato e portandosi sul 5-2, grazie alla doppietta di Ceccarini e al gol di Cortesi. Al 3-0 dei padroni di casa replicano immediatamente i rossoblu con il tris di reti mandato a referto da Pinnonen, Bertolez e Del Prete. Rintuzzato il primo tentativo di fuga dei ragazzi di Galluccio, la Raimond prova a sua volta a scappare portandosi sull’8-11 (27’) e chiudendo in vantaggio il primo tempo di due reti (10-12).

L’avvio di ripresa è equilibrato, i sardi restano avanti nel punteggio per i primi 10’ (15-16 al 41’) salvo poi vedersi raggiunti per effetto delle reti messe a segno da D’angelo e dal solito Ceccarini, miglior marcatore degli emiliani a quota sei. Ritrovato l’equilibrio, i padroni di casa riescono a scavare un mini vantaggio nella fase cruciale della gara (21-18 al 56’). Due gol di Del Prete mettono paura a Parma che, complice anche una gestione non impeccabile dell’ultimo possesso offensivo degli ospiti, riesce comunque a portare a casa l’intera posta. Al termine della gara, le parole del ds rossoblu Andrea Giordo: "Siamo dispiaciuti per com’è maturata questa sconfitta, figlia dei troppi errori offensivi, talvolta forzati dall’ottimo portiere affrontato quest’oggi e protagonista con tante parate. Peccato anche per le assenze di Cantore e Pagano, due giocatori molto attesi alla vigilia che avrebbero reso questa gara un vero e proprio anticipo di post season. Abbiamo fatto riposare precauzionalmente Juani (Cantore, ndr), aveva un piccolo problema fisico e non possiamo permetterci di rischiare infortuni. Il primo posto è importante, ma i playoff sono un campionato a parte, è lì che dovremo presentarci al 100%"