8 Aprile 2019 - Ignazio Caddeo

La Raimond abbatte la Verdeazzurro nel derby: Sassari è rossoblu

La capolista domina i cugini 31-14 e conserva il primo posto

SASSARI - La Raimond Handball Sassari batte nettamente la Verdeazzurro nella sua ultima uscita, in regular season, al PalaSantoru. 31-14 il punteggio finale al termine di una gara che non è mai stata in discussione. Con questi due punti, i ragazzi di Passino bissano la vittoria ottenuta nel derby d’andata, rimarcano ulteriormente la supremazia cittadina e conservano il primo posto in classifica. Saliti a quota 38, i rossoblu hanno la possibilità di andare a Ferrara, tra sette giorni in casa dell’Estense, senza guardare i risultati di Parma e Rapid Nonantola in caso di affermazione piena. Nei primi minuti di gara, l’attacco dei rossoblu fatica ad ingranare, quello dei rivali cittadini non parte proprio (3-0 all’8’). A metà frazione la Raimond, grazie al contributo di un Cantore capace di mettere a segno quattro reti nel primo quarto di gara, è avanti 7-1. A seguito di un parziale di 5-0, il gap tra le due squadre sfiora la doppia cifra e la reazione della Verdeazzurro non arriva, tant’è che la forbice tra le due contendenti si allarga fino al perentorio 16-4 con cui le squadre rientrano negli spogliatoi dopo i primi 30’ di gioco.

Il secondo tempo della sfida somiglia a una lunga passerella per la Raimond e si trasforma in una sorta di agonia sportiva per i ragazzi di Patrizia Canu che, di fatto, non hanno mai la possibilità di rientrare all’interno di una partita in cui hanno faticato tremendamente fin dall’inizio. Il tentativo di forzare i ritmi della gara ed elevare, per quanto possibile, il tasso di fisicità difensiva non rappresenta la chiave per creare i presupposti atti a impensierire i rossoblu che amministrano con saggezza la parte finale della partita, mandandola in archivio con un perentorio 31-14. Nelle parole di Andrea Giordo, tutta la gioia per i due punti odierni: "Siamo contenti per la vittoria, arrivata anche grazie a un’ottima prestazione difensiva. Nel primo tempo abbiamo concesso solo quattro gol e questo rappresenta motivo di grossa soddisfazione. Nella ripresa abbiamo gestito bene il vantaggio anche se qualche volte ci siamo fatti coinvolgere nella loro confusione. Ottima prestazione di squadra, ma vorrei spendere parole d’elogio per Eugenio Casada e Marco Spanu, entrambi autori di ottime parate. Adesso testa a Ferrara, poi inizieremo a pensare ai playoff, laddove contiamo di recuperare Bertolez, Mbaye e Cuccu, tre giocatori fondamentali"