2 Ottobre 2019 - Ignazio Caddeo

Terra Sarda 2019: 71 gli equipaggi iscritti alla gara in programma nel weekend

Nove le prove speciali tutte su asfalto che attraverseranno quindici Comuni in due i giorni con 82,56 chilometri cronometrati e 410,55 complessiv

ARZACHENA - Chapeau. E’ un elenco iscritti prestigioso e con un pizzico di internazionalità, quello dell’8° Rally Terra Sarda organizzato dalla Porto Cervo Racing, in programma nel weekend. Sono ben 71 gli equipaggi iscritti alla gara valida come prova della Coppa Rally di Zona ACI Sport e per il Sardegna Rally Cup. Con il numero 1 sulle fiancate della Skoda Fabia R5, ci saranno Maurizio Diomedi e Mauro Turati, che cercheranno di conquistare il quinto successo al "Terra Sarda"; su un’altra R5, ma Volkswagen Polo, Vittorio Musselli navigato da Claudio Mele, e a bordo delle altre Skoda Fabia R5 ci saranno Marco Colombi e Angelica Rivoir, Auro Siddi e Carlo Piccinnu, Alessandro Canalis e Matteo Fois, Fabio Giagoni e Andrea Segir e, su una Ford Fiesta R5, Carlo Berchio e Giancarla Guzzi. Peugeot 207 Super 2000 per Roberto Cocco e Sergio Deiana e Renault Clio Super 1600 per Gerolamo Deiana e Fabio Salis, mentre sulle Mitsubishi Lancer Evo IX ci saranno Stefano Marrone navigato da Francesco Fresu e Marco Canu con Carlotta Piras, una delle sedici donne iscritte alla gara (quindici navigatrici e una pilota). Sarà interessante la sfida nella R3 con Di Giovanni-Roma, Turri-Musselli e Piras-Fancello, ma soprattutto, regalerà spettacolo la R2B, classe più numerosa con ben 12 iscritti, tra i quali spiccano gli equipaggi provenienti dalla Corsica Paul Giudicelli e Nicolas Giuseppi e Kevin Ducos con Laura Rovina (entrambi su Peugeot 208). Cercheranno di ben figurare nella "gara di casa" anche Marco Casalloni e Massimiliano Frau, e Alessandro Brigaglia navigato da Alessandro Frau (sempre su Peugeot 208), così come tutti gli altri equipaggi iscritti nelle altre classi; nella A7 saranno al via Cocco-Alicervi e Mannu-Turchi (entrambi su Renault Clio), nella classe N3 Vallino-Vitali (Opel Astra Opc) e Tafani-Portaz (Renault Clio), nella A6 Gallu-Cossu (Peugeot 106) e Gudenzi navigato da Veronica Cottu (Citroën Saxo) e nella numerosa classe N2 (dieci equipaggi iscritti) Monni-Carta, Pileri-Baglio (Peugeot 106) e Maniero-Mocci (Citroën Saxo).

Tra le scuderie iscritte, oltre ai portacolori della Porto Cervo Racing, sono presenti gli equipaggi delle scuderie Mrc Sport, Meteco Corse, Alma Racing, Team Autoservice Sport, Asa Corsica, Asa Terre de Corse, M Racing Team, Mft Motors, Mistral Racing, Tafani Rally Team, Eurospeed, Ciclo Otto e Racing Experience Team. "La buona risposta da parte degli equipaggi, anche dall’estero", commenta Dino Caragliu vice presidente della Porto Cervo Racing, "ripaga gli sforzi organizzativi di tutto lo staff che ringrazio per il grande lavoro di questi ultimi mesi, così come ringrazio le scuderie che hanno risposto in maniera positiva al Rally. Siamo molto contenti, dopo diciotto gare che abbiamo organizzato e co-organizzato insieme ad altre associazioni sportive, e nel ventesimo anno di attività della scuderia, l’obiettivo è portare la gara a livelli importanti, per tutti gli sportivi, perché il "Terra Sarda" è il Rally di tutti".

Nove le prove speciali (su asfalto), quindici i Comuni coinvolti, tre i giorni dedicati all'evento e due i giorni di gara, 82,56 chilometri cronometrati e 410,55 complessivi; è questo, in cifre, l'8° Rally Terra Sarda-Rally della Gallura, evento che gode della partnership della Regione Sardegna e del patrocinio dell'ACI Sport e, come Ente di appartenenza, dell'Automobile Club Sassari. Il programma prevede, nella giornata di venerdì, a Tempio Pausania, le verifiche sportive e tecniche (dalle 19 alle 21) per gli equipaggi che intendono partecipare allo shakedown in programma sabato mattina, dalle 8 alle 11, ad Aggius, nello splendido scenario della Valle della Luna. Sempre sabato mattina, a Tempio Pausania, dalle 8 alle 11.30, sono previste le verifiche sportive e tecniche per tutti gli altri concorrenti. La partenza dell'8° Rally Terra Sarda si terrà sabato 5 ottobre alle 14.30 da Tempio Pausania (Corso Matteotti). Successivamente gli equipaggi affronteranno due prove speciali da ripetere altrettante volte, la "Calangianus" e la "Sant'Antonio di Gallura", la novità di questa edizione. Dopo le prime due speciali del sabato, è previsto un riordino a Luras e l'assistenza a Tempio Pausania. In serata, dopo le quattro prove speciali, è previsto l'arrivo alle 18.30, in piazza Risorgimento, ad Arzachena, dove si potranno ammirare nella zona del riordino notturno in Piazza Filigheddu i fuochi d'artificio, un ulteriore spettacolo offerto ai partecipanti e al pubblico. Domenica, le ultime cinque impegnative prove speciali, il teatro della prima sfida della giornata sarà la "Luogosanto-Aglientu", prova speciale molto tecnica di 13 chilometri (la più lunga della gara) da ripetere tre volte e l'immancabile "Porto Cervo" che terminerà nei tornanti di Liscia di Vacca. Domenica sono previsti due riordini a Luogosanto e le assistenze ad Arzachena dove sarà allestito il quartier generale della gara, che ospiterà la segreteria, la sala stampa, il centro classifiche e la direzione gara affidata all'esperto Mauro Furlanetto. L'arrivo e la premiazione si terranno ad Arzachena, nell'accogliente piazza Risorgimento, alle 17.