8 Maggio 2019 - Ignazio Caddeo

Un Adriatico positivo e di crescita per Gallu e Pirisinu

Ora testa al mondiale in terra di Sardegna

PESCARA (ABRUZZO) - È stato un weekend di crescita sotto diversi profili quello appena trascorso per Andrea Gallu e Giuseppe Pirisinu al Rally dell'Adriatico, primo atto del Campionato Italiano Rally Terra. Per l'equipaggio sardo era il debutto su fondo sterrato, dopo un primo giro di prove difficile, dove era importante prendere la giusta confidenza con il fondo sterrato, reso più insidioso anche da una leggera pioggia, nel secondo e nel terzo giro i tempi sono andati migliorando in modo importante. "Il primo obbiettivo è stato centrato, era fondamentale per noi percorrere l'intero chilometraggio della gara, acquisire coscienza della nuova macchina, conoscere la terra e finire quindi il rally - commenta Andrea Gallu. Il livello della gara era veramente molto alto, stiamo parlando del Campionato Italiano, decisamente differente da quello che avevamo potuto toccare con mano in Sardegna. Adesso stiamo già lavorando in vista del prossimo impegno di campionato, il Rally mondiale Italia Sardegna, nostra gara di casa. Sappiamo bene che sarà una gara molto difficile, soprattutto per chi come noi farà l'intero chilometraggio e non solo la "Sardegna1" come indicato dal calendario CIRT.