3 Novembre 2019 - Ignazio Caddeo

Una grande Amsicora vince sul campo dei campioni d´Italia del Bra ed allunga il passo

Ancora ko la Ferrini, male anche il Suelli

CAGLIARI - Straordinaria prova di forza dell’Amsicora che si aggiudica il match clou dell’ottava giornata di andata del campionato di serie A1 maschile di hockey su prato, a Bra contro i campioni d’Italia in carica , conquistando l’ottava vittoria consecutiva e staccando in classifica il diretto avversario di ben cinque lunghezze. La squadra amsicorina orfana di Roberto Carta (assente perché impegnato con la Nazionale femminile in Germania), ha offerto una prova davvero eccezionale, non sbagliando praticamente nulla e tenendo il pallino del gioco dal primo all’ultimo minuto. Partenza a razzo dei cagliaritani che trovano il vantaggio dopo sette minuti : è  l’argentino Juan Tubio con una bella deviazione da pochi metri a battere senza scampo il portiere della nazionale Padovani. Sulle ali dell’entusiasmo l’Amsicora continua a premere e buca per la seconda volta la porta avversaria ad opera di Bruno Mura al 12’, che da dentro l’area lascia partire una fiondata precisa e potente infilatasi nell’angolo destro della porta braidese. Il Bra prova a reagire e riesce ad accorciare le distanze in chiusura di tempo su tiro di rigore trasformato dall’egiziano Gobran. Nel secondo tempo i padroni di casa cercano di aumentare la spinta offensiva, ma trovano sulla loro strada un vero  muro che ribatte tutto e non fa correre praticamente rischi alla difesa isolana. Così sale nuovamente alla ribalta l’argentino Juan Tubio che con un gran tiro di rovescio (pallina colpita con la parte destra del bastone) porta a tre i gol della sua squadra e di fatto chiude definitivamente i conti, era per la cronaca da ben sei anni che l’Amsicora non vinceva in casa dei piemontesi. La Ferrini perde la seconda gara consecutiva a Villar Perosa contro il Valchisone, 3-1 il risultato finale. La formazione di Antonello Caschili non gioca male ma paga l’assenza di un terminale offensivo importante come l’egiziano Waleed fuori per infortunio, si aggiunga poi il fatto di aver avuto a che fare con un avversario voglioso di riscattare il passo falso di ieri contro l’Amsicora. Sempre in svantaggio i cagliaritani cercano di riaprire la gara, portandosi sull’1-2 trasformando un corto con Daniele Lorrai, ma poi  si sbilanciano troppo in avanti e subiscono il gol del definitivo 3-1 su tiro di rigore. Perde anche il Suelli sconfitto 3-2 a Castello d’Agogna dalla Bonomi, tanta sfortuna per i trexentini che in vantaggio prima per 1-0 poi per 2-1, pagano a caro prezzo due leggerezze difensive che consentono ai lombardi di capovolgere a loro favore l’esito della gara. Le reti del Suelli portano entrambe la firma di Fabio Vargiu, sempre su azione. Non ha invece giocato la Juvenilia Uras che ha a causa della forte pioggia ha visto rinviare a data da stabilire la sua partita a Mori provincia di Trento contro l’Adige.

Infine una notizia di hockey su prato femminile: la nazionale azzurra allenata da Roberto Carta ha perso tutt’e due le gare di spareggio per l’ammissione alle Olimpiadi di Tokyo 2020 contro la Germania (2-0 e 7-0 i risultati finali) saranno quindi le tedesche terza forza in campo mondiale a partecipare ai giochi olimpici in terra nipponica il prossimo anno.

STEFANO SERRA