27 Agosto 2013 - Redazione Isola24Sport

Dinamo giù la maschera..."Vogliamo vincere"

Iniziato a Olbia il ritiro precampionato dei sassaresi di Meo Sacchetti

Sarà la stagione dello Scudetto? Già a pronunciare questa parola vengono i brividi. Come viene la pelle d’oca  leggere che la Dinamo Sassari sia indicata da tutti gli addetti ai lavori come una delle pretendenti al successo finale nel campionato di serie A di basket, il secondo sport italiano. "La vera avversaria dell’Armani Milano"- dicono gli esperti- addirittura più accreditata, sulla carta, dei campioni italiani della Montepaschi Siena, la squadra che ha vinto sette scudetti consecutivamente, record nella storia del basket italiano.

Inizia, quindi, oggi al Geovillage di Olbia, un ritiro precampionato particolare per il Banco di Sardegna che mai, come quest’anno, dovrà fare i conti col fardello delle responsabilità. Il mercato, d’altro canto, è stato quello di una "grande". Sono arrivati Marques Green, play con un’ottima esperienza nel campionato italiano e in Eurolega; l’ala Omar Thomas, MVP della serie A 2010-2011 e protagonista del falso passaporto sloveno che, in parte, ha tarpato le ali alla sua carriera, negandogli, alcuni anni fa, un contratto milionario con la Montepaschi. Ma anche "l’ala forte" Caleb Green, che la scorsa stagione, con l’Orleans, ha fatto tanti danni alla Dinamo in Eurocup, negandole il passaggio del turno alle "Last 16" della seconda competizione continentale. Infine, il pivot Linton Johnson, miglior lungo della serie A nel 2011-2012, quando vestiva la maglia di Avellino; Juan Fernandez, promettente play-guardia di scuola argentina, l’anno scorso al Brescia in Lega Due ed ora impegnato con la nazionale del suo paese; Amedeo Tessitori, giovane ala-pivot, classe ’94, autore di un ottimo torneo di Lega Due con Forlì e su cui la società ha investito con un quadriennale, dopo averlo strappato alla concorrenza di Milano, Siena,Cantù e Bologna. Il tutto, senza dimenticare la "ciliegina sulla torta" che mandato in estasi tutti i supporters della Dinamo: la conferma di Travis e Drake Diener, oltre a quella dei tre senatori Vanuzzo, De Vecchi (alla loro ottava stagione) e Brian Sacchettio. Insomma, un quadro esaltante e ricco di tante aspettative.
La piazza è in fermento, con le conferenze stampa dei giocatori, alla club house della società, stracolme di tifosi; la società (il Presidente Sardara ed  Ds Pasquini)  ed il coach Meo Sacchetti provano, senza riuscirci, a frenare gli entusiasmi, anche perché tutti i nuovi acquisti hanno pronunciato senza mezzi termini una parola: "championship", la vittoria in campionato.

Ora il ritiro olbiese, con la società che, per compensare le assenze di Travis Diener e Fernandez, per gli impegni in nazionale, ed in attesa del recupero di Caleb Green da una fastidiosa tendinite, ha ingaggiato due sparring partner per gli allenamenti: l’esterno danese, classe ’93,1.96 di altezza, Esben Reinholt, ed il 25enne lungo americano Juan Pattillo, 202cm. La nuova Dinamo scenderà in campo, nella prima "uscita" stagionale, il 7 Settembre, al palazzetto di Padru per un’ amichevole con Avellino. Poi tutta una serie di impegni con Milano, Siena e Varese. Tra questi il torneo "Città di Cagliari" che vedrà la Dinamo affrontare i campioni d’Italia della Montepaschi e a cui parteciperanno anche i campioni di Turchia del Galatasaray ed i russi del Samara. Il 1° Settembre la presentazione ad Alghero a istituzioni e stampa; il 2 alla città, a Sassari in piazza Santa Caterina. Una pre-season lunga ed intensa perché la Dinamo sia pronta per l’esordio in campionato, il 13 Ottobre prossimo, a Bologna contro la Virtus. Subito dopo partirà anche l’Eurocup, che anche in questa stagione vedrà protagonisti i sassaresi. Un‘annata lunga, con l’auspicio sia piena di soddisfazioni.

Gli amici di Isola24sport