1 Marzo 2019 - Ignazio Caddeo

Olbia, Filippi: "Grande rispetto per l´Arzachena ma consapevoli della nostra forza"

Attesa per il derby in programma domani alle 20.30 al Nespoli

OLBIA - "Serietà, attenzione e precisione. Sono queste le tre componenti che domani risulteranno fondamentali per portare a casa un risultato positivo. Siamo concentrati nel preparare la partita e, per quanto possa sembrare banale dirlo, abbiamo preparato questo derby come fatto tutte le altre affrontate. Con serenità e al massimo delle proprie potenzialità". Parole di Michele Filippi alla vigilia della sfida in programma domani alle 20.30 al Nespoli contro l’Arzachena.  Sfida, dove la componente psicologica può risultare comunque importante: "Sicuramente conterà e, contrariamente a quanto fatto nella gara di andata, dovremo essere bravi a gestire l'approccio e l'evoluzione della gara. Ciò che farà la differenza, però, risiede nella capacità di far emergere le nostre qualità contro un avversario, l'Arzachena, che vive il proprio miglior momento stagionale e che sappiamo essere una squadra ostica e complicata da affrontare. Superare un ostacolo di questo tipo fa parte del percorso di crescita di un gruppo che oggi si sente forte e lo dimostra in allenamento e nelle partite. Ci aspettiamo che l'avversario interpreti la gara come fatto in passato, ma anche se così non fosse, i ragazzi, come dimostrato contro Carrarese e Siena, saranno in grado di adattarsi a tutte le situazioni di gioco. Ciò che non rientra nella logica delle cose, in una partita del genere, è parlare però di una squadra favorita sull'altra. Lo dice questo campionato, il più equilibrato e imprevedibile degli ultimi anni".

Ed è proprio al cospetto delle grandi del torneo che l'Olbia ha spesso dimostrato di saper giocare alla pari se non addirittura meglio: "Sì, stiamo bene, come credo si evidenzi in maniera chiara nel modo con il quale sono state interpretate le ultime partite. Quest'anno l'Olbia ha battuto o, pur giocando meglio, avuto il rammarico di non aver battuto le squadre di vertice. Un segnale chiaro, rispetto agli anni scorsi, di quanto sia aumentata la consapevolezza della propria forza al quale manca ancora qualcosina per trovare piena gratificazione. Noi vogliamo continuare a crescere e migliorare perché in questo ultimo quarto di stagione dobbiamo tirare fuori il massimo. Per noi stessi certo, ma anche e soprattutto per i nostri tifosi che meritano di vivere grandi emozioni".