10 Febbraio 2019 - Ignazio Caddeo

L´Arzachena resiste 75´ contro la Juventus Under 23. Fatale il ko per il gol di Mokulu

Sconfitta stavolta immeritata per i ragazzi di Giorico

JUVENTUS UNDER 23. Nocchi; Andersson, Del Prete, Coccolo; Di Pardo, Toure, Kastanos, Muratore (16’ st Nicolussi Caviglia), Masciangelo; Olivieri, Mokulu. A disp: Del Favero, Busti, Bunino, Mavididi, Zanimacchia, Morelli, Pozzebon, Boloca, Morrone, Pinelli. All.: Zironelli

ARZACHENA: Ruzittu; Bonacquisti, Moi (37’ st Danese), Cecconi, Gatto (37’ st Diop), Casini, Ruzzittu (20’ st Sanna), Porcheddu, Trillò, Baldan, Arboleda. A disp: Pini, La Rosa, Onofri, Manca. All.: Giorico

ARBITRO: Lorenzin di Castelfranco Veneto

RETI: 30’ st Mokulu

AMMONITI: Masciangelo, Ruzzittu, Porcheddu , Bonacquisti, Kastanos

ALESSANDRIA (PIEMONTE) - Al Moccagatta la Juventus U23 supera di misura l'Arzachena, 1-0, grazie al gol di Mokulu, al 75', che fredda il portiere sardo con un bolide di sinistro sotto la traversa. Il primo squillo arriva al 21' e lo regalano i bianconeri padroni di casa: Muratore ci prova da fuori area, ma la sua conclusione sfiora la traversa. Al 34' ci provano i sardi con Cecconi che calcia sul fondo da posizione favorevole. Sono le uniche due emozioni di un primo tempo combattuto da entrambe le squadre, con la Juve che fa la partita e l'Arzachena che aspetta e riparte. Nella ripresa ancora bianconeri pericolosi per primi, al 70', con Nicolussi che dal limite sfiora il palo della porta difesa da Nocchi. 5' più tardi arriva il vantaggio bianconero: è l'ex Carpi Mokulu che, in area, si libera della marcatura e scarica un tiro violento mancino sotto la traversa che vale l'1-0. L'Arzachena prova a salire ma non riesce ad impensierire la retroguardia bianconera. A fare festa è la Juventus

In sala stampa il tecnico dei galluresi Mauro Giorico ha commentato la sconfitta di misura subita: "Nel finale il gol che ci siamo divorati a tre metri dalla porta è stato clamoroso. Le prestazioni non mancano, come la volontà di ogni giocatore di ottenere qualcosa fuori casa, la determinazione c'è. Ci gira male, non facciamo gol a due metri dalla porta e non portiamo a casa niente. La prestazione c'è, non c'è il risultato e questo è il rammarico più grosso. Abbiamo concesso poco e niente a giocatori del calibro di Mokulu e compagnia. Abbiamo lavorato bene di reparto, non abbiamo concesso spazi e triangolazioni, e limitando la regia di Kastanos. Siamo riusciti a fare una gara attenta, concentrati su ogni situazione. Peccato aver preso quel gol e non aver concretizzato quando ne abbiamo avuto l'opportunità. Le seconde squadre? Questi giocatori di talento come Mavididi, Kastanos e gli altri, andare ad affrontare un campionato tosto come la C, può permettere loro di crescere e spiccare il volo, essendo elementi di prospettiva. Rispetto all'andata sono cresciuti e l'esperienza che accumulano di partita in partita li porterà a maturazione ancora più velocemente".