12 Novembre 2017 - Redazione Isola24Sport

Arzachena avanti 2-0 a Prato per i gol di Nuvoli e Vano ma rimontata nella ripresa dal Prato: finisce 2-2

PRATO (4-3-3): Sarr, Giannini (1’ st Liurni), Marzorati, Martinelli, Badan (1’ st Seminara), Fantacci, Bonetto, Marini, Ceccarelli, Orlando (16’ st Vangi), Piscitella. A disp.: Alastra, Cecchi, Calzolai, Rozzi, Demoleon. All.: Catalano

ARZACHENA (4-3-1-2): Ruzzittu, Arboleda, La Rosa, Piroli, Peana (26’ st Baldanzeddu), Lisai (26’ st Varricchio), Casini, Nuvoli, Curcio, Vano, Sanna (19’ st Bertoldi). A disp.: Cancelli, Esposito, Maestrelli, Aiana, Taufer, Esposito. All.: Giorico

ARBITRO: Rossetti di Ancona

RETI : 12’ pt Nuvoli, 22’ pt Vano, 15’ st Fantacci, 39’ st Liurni

AMMONITI: Giannini, Liurni, Fantacci, Piroli

PONTEDERA (TOSCANA) – Un’Arzachena dai due volti porta a casa un punto dalla trasferta di Pontedera, teatro delle gare casalinghe del Prato (2 a 2 il finale).  Un primo tempo sfavillante non è bastato a Nuvoli e compagni per fare bottino pieno. Chiusa la prima frazione con uno strameritato doppio vantaggio i biancoverdi subiscono nella ripresa il ritorno dei toscani che impattano con due conclusioni imparabili dalla lunga distanza. In avvio il pressing alto ordinato da mister Giorico mette subito in difficoltà gli avversari e al 5′ Lisai crossa rasoterra per Sanna anticipato di un niente da Sarr. Al 9′ splendido assist di Curcio per lo stesso Sanna che entra in area e conclude in diagonale di sinistro: Sarr para a terra. La superiorità biancoverde trova i frutti al 12′ quando Nuvoli conquista una palla sulla trequarti spostato a sinistra e dopo essersi accentrato fa partire un siluro di destro dai 20 metri con la palla che si insacca nell’angolo sinistro di Sarr inutilmente proteso in tuffo. L’Arzachena insiste e al 19′ Nuvoli pesca Lisai sul cui traversone Vano non riesce ad incornare da due passi. Risponde subito il Prato con Orlando che ha un’ottima opportunità nell’area piccola, ma La Rosa sventa la minaccia. L’inerzia tuttavia è sempre smeraldina e al 22′ matura il raddoppio: corner da sinistra battuto da Nuvoli per la testa di Vano che incrocia imparabilmente. Il Prato è scosso e al 25′ una sontuosa combinazione Vano-Sanna-Curcio libera il numero 10 che dal limite al volo di esterno destro manda fuori di un nulla. Locali che si aggrappano alle iniziative del loro talento Ceccarelli che un minuto più tardi sfodera una sciabolata velenosa che sfiora il montante. Biancoverdi compatti e sempre pronti a micidiali ripartenze come al 33′ allorchè il breack di Peana favorisce la fuga di Curcio il cui sinistro dal limite trova la grande risposta di Sarr che manda in angolo con la punta delle dita.

Più nulla sino all’intervallo durante il quale il tecnico biancazzurro Catalano decide un doppio cambio immettendo forze fresche sugli esterni. La decisione pare cambiare poco e al 13′ l’Arzachena ha la palla per chiudere i conti: corner di Lisai e stacco perentorio di Vano che Sarr annulla con un balzo prodigioso impedendo alla palla di infilarsi all’incrocio dei pali. E’ la svolta del match. Perchè dopo soli 2 minuti Fantacci controlla ai 25 metri e spara un missile terra aria che Ruzittu può solo vedere morire nel "sette" alla sua destra. La rete rianima il Prato che spinge in forze ottenendo una lunga serie di tiri dalla bandierina. Giorico fiuta il pericolo inserendo dapprima Bertoldi al posto di Sanna (19′) e successivamente Varricchio per Lisai e Baldanzeddu per Peana (26′). La pressione pratese cala di ritmo, ma si gioca prevalentemente nella metà campo gallurese. Al 38′ un’altra prodezza individuale regala il pareggio ai toscani: Liurni è autore di una conclusione di rara bellezza da lontanissimo con la sfera che incoccia la parte bassa della traversa prima di gonfiare la rete. E’ l’ultimo episodio di una sfida che, per come si è sviluppata, lascia l’amaro in bocca alla squadra biancoverde, capace comunque di mettere in cascina 4 punti nella duplice trasferta continentale. A fine gara per la rabbia, mister Mauro Giorico preferisce non rilasciare dichiarazioni.