12 Gennaio 2019 - Ignazio Caddeo

Una Brunetti inarrestabile trascina il San Salvatore alla vittoria per 79-52 a Forlì

Grazie ai 25 punti e 15 rimbalzi della lunga cagliaritana le campidanesi centrano la seconda vittoria di fila in questo avvio del 2019

FORLI' (EMILIA ROMAGNA) - Prosegue all’insegna delle vittorie il 2019 del San Salvatore Selargius, che dopo aver superato al Faenza al PalaVienna, regola a domicilio anche il fanalino di coda Medoc Forlì. La formazione di Staico ha avuto la meglio con il risultato finale di 52-79 dopo un incontro controllato con autorità per quasi tutta la sua durata. MVP indiscussa Federica Brunetti, che ha fatto registrare una prestazione "monstre" fatta di 25 punti, 15 rimbalzi e 4 recuperi con il 60% dal campo. La Medoc, tutt’altro che rassegnata a fare la figura della comparsa, si porta subito sul +3 grazie alla bomba di Zavalloni. Il San Salvatore però non resta a guardare e piazza un break di 9-0 chiuso dal piazzato di capitan Lussu (5-11). Le romagnole riorganizzano le idee e piazzano immediatamente il controparziale di 10-2 che le porta al comando sul 15-13. Dopo una fase punto a punto le ragazze di Staico riescono a produrre un nuovo affondo nel finale di primo periodo con una fiammata interamente firmata Brunetti (21-27 al 10’). In avvio di secondo periodo il San Salvatore riesce ad allungare fino al +13 grazie a un appoggio vincente di un’indiavolata Brunetti. Le giallonere stringono le maglie in zona difensiva (appena 4 i punti concessi alle rivali!) e grazie al contributo realizzativo dei propri esterni va alla pausa lunga su un rassicurante +15 (canestro di Arioli per il 25-40).

Il rientro in campo delle selargine non è dei migliori, e Forlì ne approfitta per mettere in piedi un break di 9-1 che la riporta sul -7 con il tiro mandato a segno da Boni. Il San Salvatore si scuote dal torpore e, con il canestro di Gagliano e la provvidenziale bomba di Lussu, riprende le redini guadagnando il +12 sul 34-46. Le padrone di casa, a questo punto, manifestano dei segnali di cedimento, mentre Arioli e compagne si affrettano senza esitazioni a scavare il solco definitivo. Dopo aver toccato il +20 con Cicic, il San Salvatore si presenta all’ultimo mini intervallo in vantaggio sul 40-62 chiudendo in anticipo, di fatto, i giochi. Nell’ultimo quarto le selargine si limitano a controllare senza rischi i residui assalti forlivesi guidati perlopiù da Gramaccioni e Zavalloni, e al 40’ conducono in porto il secondo successo consecutivo con il punteggio di 52-79. Da segnalare, nel finale, i canestri realizzati dai "gioiellini" del vivaio Melis e Loddo.