29 Novembre 2019 - Ignazio Caddeo

Il Città di Sestu sfida i Saints per uscire dall´inferno

Reduci da due sconfitte consecutive, i rossoblù cercano il successo contro la formazione lombarda

SESTU - La sconfitta di Imola ha lasciato segnali positivi ma non basta, il Città di Sestu deve necessariamente ritornare a macinare punti sin dal prossimo incontro contro i Saints Pagnano nel match valido per la decima giornata di campionato. Lo stop della Palestra Cavina era stato messo in preventivo, rimane quel pizzico di rammarico per aver tenuto testa ad una formazione blasonata senza portare a casa un risultato positivo: "Sicuramente è stata una buona prestazione collettiva però se non segni non vinci – sostiene Stefano Soro – Abbiamo affrontato con coraggio una grandissima squadra creando tanto ma non concretizzando e sul fronte opposto c’erano giocatori di categoria superiore che, alla prima sbavatura, non si sono fatti alcun scrupolo a punirci. Non fa piacere andare via battuti ma dobbiamo alzare la testa e pensare alla prossima battaglia". Tra il sacro e il profano, i sestesi devono vedersela contro i Saints Pagnano per allontanarsi dalla zona calda che, rievocando la "Divina Commedia" di Dante, può essere paragonato al girone dell’inferno, e lo faranno senza poter contare su uno degli Dei del Futsal, ovvero quel Betao che ha annunciato la fine della carriera agonistica. I meratesi, alla prima esperienza in Serie A2, arrivano in Sardegna forti della goleada rifilata all’Olimpia Regium, tre punti pesanti che hanno permesso a Zaninetti e compagni di allungare le distanze dai playout. Per i ragazzi di Chicco Cocco si profila un altro scontro delicato da non sbagliare per scrollarsi di dosso paure e pericoli incombenti: "Servirà orgoglio e fame di vittoria – esclama il classe 1994 – La classifica non ci sorride ed i punti iniziano a farsi importanti, soprattutto contro le dirette concorrenti. Siamo in crescita e lo stiamo dimostrando però è arrivato il momento di far risultato se vogliamo uscire da questo periodo, specialmente nelle partite casalinghe dove bisogna far pesare il fattore campo".

Cresciuto tra le file delle migliori scuole calcio nell’hinterland cagliaritano, per Stefano si prospettava una carriera rosea ma il destino ha deciso di mettersi di traverso più volte facendo dirottare il venticinquenne verso il calcio a 5: Serie A e Under 21 con il Futsal Città di Sestu, poi l’escalation dalla C regionale all’A2 con il Città di Sestu dove, ovviamente, non è mancata la sfortuna con un infortunio che lo ha tenuto fuori per una stagione. Il ragazzo però non si è arreso e la sua tenacia lo sta premiando con minutaggi sempre più importanti in questa annata: "Sono felice di poter essere un elemento valido per questa società e di poter contribuire a renderla un fiore all’occhiello per il mio paese. Rimanere fermo a lungo è stato logorante ma appena mi sono ristabilito ho lavorato duramente per giocarmi le mie carte supportato dai miei compagni che hanno sempre creduto nelle mie qualità. Mi sto ritagliando spazi sempre più ampi in questo campionato, intorno a me vedo che c’è fiducia sia da parte del gruppo che da parte del tecnico e questo mi spinge a dare il massimo ogni giorno per poter dare un aiuto concreto alla squadra".       La sfida tra Città di Sestu e Saints Pagnano andrà in scena domani con fischio d’inizio fissato per le ore 16 presso il PalaDante di Sestu (CA) e gli arbitri designati sono Andrea Seminara della sezione di Tivoli e Ivo Colangeli della sezione di Aprilia coadiuvati al cronometro da Michele Desogus della sezione di Cagliari.