10 Marzo 2018 - Redazione Isola24Sport

FF Cagliari battuto ai rigori dal Montesilvano: fatale l´errore dal dischetto della brasiliana Gaby

FUTSAL FUTBOL CAGLIARI: Mulas, Vargiu, Peque, Gaby, Marta, Congiu, Gasparini, Marongiu, Cuccu, Cocco, Atzori, Piras. All. Podda 

MONTESILVANO: Sestari, Amparo, Mendes, Ortega, Nicoletti, D'Incecco, Elpidio, Sergi, Borges, Guidotti, Domenichetti, Ghanfili. All. Marzuoli 

MARCATRICI: 10'50'' p.t. Marta (C), 12'39'' s.t. Domenichetti (M), 2'40'' p.t.s. Amparo (M), 3'21'' s.t.s. Gaby (C) 

SEQUENZA RIGORI: Peque (C) gol, Amparo (M) gol, Marta (C) gol, Nicoletti (M) gol, Gaby (C) fuori, Elpidio (M) gol 

AMMONITE: Amparo (M), Cocco (C), Guidotti (M), Peque (C) 

ARBITRI: Elena Lunardi (Padova), Giulia Fedrigo (Pordenone), Antonella Maglietta (Bari) CRONO: Lorenzo Agostinelli (Bari)

BARI (PUGLIA) - Alla fine la Coppa Italia di Serie A femminile viene alzata dal Montesilvano, la sua prima volta, appunto, nella storia. Battuto un ottimo Cagliari, che aveva chiuso sul 2-2 tempi regolamentari e supplementari. Per l’attof finale della competizione Diego Podda sceglie un quintetto base con Mulas fra i pali, Vargiu, Peque e le alfiere delle sarde: il dinamico duo Gaby-Marta. Marzuoli si affida a un quartetto di movimento gagliardo: Amparo, Filipa Mendes, Ortega e Nicoletti davanti all’estremo difensore Ana Carolina. Un minuto di raccoglimento in memoria del compianto Davide Astori, poi il match più importante della settimana del futsal in rosa comincia in tutta la sua bellezza. Una match da intenditori. Ortega costringe Mulans a un plastico intervento, Amparo semina di sovente il panico nella difesa delle isolane, un colpo di testa ravvicinato di Marta mette i brividi ad Ana Carolina. Gaby da una parte e Aline dall’altra si fanno notare per egregie chiusure difensive. Nulla può, però, la Caiana quando Marta duetta con Peque, si fa ridare il pallone, infilando di destro Ana Carolina confermandosi un bomber di razza, capace di segnare in tutte le gare della #FinalEightfemminile. La risposta abruzzese c’è, peccato che Domenichetti si divori il pari sugli sviluppi di un corner. Un primo tempo intenso e molto tattico si chiude sull’1-0. Ripresa avvicente con una Peque che, con le sue giocate, fornisce assist a go go, quelli per Vargiu e Gaby per poco non vengono concretizzati. Il Montesilvano c’è, sa soffrire, che fa rima con colpire: Amparo dà il live al pari della Caiana, una conclusione angolata dell’ottima Aline, corretta in rete da Domenichetti. Il Cagliari non accusa minimamente il colpo e si rimette a giocare come sa, con Peque, Gaby e Marta a dettare legge. Ma Ana Carolina è in forma smagliante e salva di piede sulla scatenata Marta, mandando di fatto le due squadre ai supplementari.

Squadre stanche nell’extra time, il Cagliari di più. Gaby si sostituisce a Mulas, ma sul susseguente corner arriva la perla di un Amparo a cinque stelle: un fendente di rara precisione, potenza e bellezza. Podda nella ripresa si gioca il 5vs4, con Gasparini portiere di movimento. La mossa paga: ci pensa ancora una superlativa Gaby. Che, per non essere da meno di Amparo segna il suo quinto gol in Final Eight, è il 2-2 che porta la bellissima finale del PalaFlorio ai tiri di rigore. Segnano Peque e Amparo, Marta e (col brivido Nicoletti), sbaglia proprio Gaby, decide Aline. Applausi al Cagliari, onore e lode a un Montesilvano che si consegna alla storia.