4 Ottobre 2019 - Ignazio Caddeo

Le tre sarde ritornano sul parquet: la Virtus Cagliari riceve la Ponte Buggianese, Cus a Roma, San Salvatore Selargius col Viterbo

Solo la squadra della Ferazzoli ha vinto all´esordio le altre due isolane puntano a rompere il ghiaccio

CAGLIARI - Si torna in campo in A2 femminile per il secondo turno. Ko in casa con la Virtus, il CUS Cagliari domani pomeriggio è discena all’Arena Altero Felici di Roma (ore 15.30) cercherà di cancellare il passo falso. Il ko nella stracittadina ha generato tanta voglia di riscatto nelle universitarie, che durante la settimana hanno analizzato con cura i perché della sconfitta: "E’ stata una partita molto strana – afferma coach Federico Xaxa – siamo partiti male, poi per un quarto e mezzo la squadra ha eseguito alla perfezione il piano partita e abbiamo avuto la chiara sensazione di poter vincere. Nel secondo tempo, invece, ci sono mancati degli altri "pezzi", ed è così che è arrivata la sconfitta. In settimana, a mente fredda, ho parlato a lungo con la squadra e sono emersi due aspetti importanti che hanno condizionato la gara: l’emotività e l’illusione di poter vincere facilmente una volta recuperati i 15 punti di scarto iniziali. E poi ci metto anche la sfortuna: nel finale abbiamo sbagliato il libero del pareggio, mentre Valentina Zucca si è infortunata gravemente quando attaccava con il pallone del possibile sorpasso". Il tecnico cussino tiene a chiarire un aspetto: "La sconfitta di sabato scorso non ha lasciato strascichi negativi o malumori di sorta – spiega – la Virtus è una buonissima squadra e la sconfitta contro di loro può anche starci. Ora pensiamo solo alla nostra crescita e alla gara di Roma". L’Athena, avversario di turno, si è presentato ai nastri di partenza della nuova stagione con un roster largamente rinnovato, nel quale spiccano i nomi di due vecchie conoscenze del basket sardo come Mia Masic e Francesca Rosellini. La squadra di coach Goccia è però reduce da uno scivolone esterno sul parquet di Ariano Iripino. Inaspettato soprattutto per il largo scarto accusato (-22 alla sirena finale): "Stanno pagando l’assenza di qualche elemento importante – prosegue Xaxa – a cominciare da Debora Gonzalez, giocatrice in grado di spostare gli equilibri all’interno di qualunque squadra. A Roma sarà dura, ma vogliamo provarci. Non cerchiamo alcuna rivalsa: vogliamo solo migliorarci e produrre una buona pallacanestro". I temi della partita saranno senz’altro diversi da quelli di sabato scorso: "L’Athena è una squadra molto diversa dalla Virtus – sottolinea – fanno leva su personalità importanti e vorranno indubbiamente cancellare la sconfitta dell’esordio. Noi, ripeto, siamo focalizzati soprattutto sulla nostra prestazione. Se le ragazze giocheranno come nelle loro possibilità potranno dire la loro".

SAN SALVATORE SELARGIUS. Anche la squadra di restivo ha iniziato come il Cus con una sconfitta. Domani pomeriggio (ore 17) in via Vienna esordisce davanti al proprio pubblico nel match contro la neopromossa Belli Viterbo. La squadra giallonera, confortata dalla buonissima prestazione offerta nella sfida contro la Crèdit Agricole La Spezia, arriva al match in un clima di grande fiducia: "Non siamo ossessionati dal risultato – spiega coach Antonello Restivo – il nostro obiettivo è quello di arrivare al successo attraverso la prestazione. Sabato scorso le ragazze hanno fatto vedere delle cose interessanti, ma stavolta dovremo mantenere alta l’intensità per tutti i 40 minuti, evitando quei cali che hanno pesato sul punteggio finale". La sfida rappresenterà, invece, il debutto assoluto per l’Ants Viterbo, che la scorsa settimana ha usufruito del turno di riposo. La compagine guidata da coach Carlo Scaramuccia farà leva sull’entusiasmo tipico della neopromossa, e sarà guidata dal dinamismo della freschissima ex Stoichkova e, soprattutto, sull’esperienza dell’ala lettone Ieva Veinberga, già vista in Italia con le canotte di Udine, Civitanova Marche e Crema: "Viterbo è un avversario da tenere in grande considerazione – mette in guardia il coach – conosciamo bene Veinberga, ma dovremo stare ugualmente attenti alle tante giovani che hanno contribuito alla promozione dalla Serie B. Vogliamo partire bene davanti al nostro pubblico, e per farlo sarà necessario controllare fin da subito il ritmo della partita. Ci vorrà la massima umiltà: la larga vittoria di Ariano Irpino sull’Athena Roma dimostra che non ci sono squadre abbordabili in questo girone".

Per strappare i primi due punti stagionali sarà fondamentale il supporto delle più giovani. A cominciare da Martina Pandori, classe ’03 schierata addirittura in quintetto al PalaMariotti: "L’avevo già provata in preseason e le risposte erano state positive – prosegue Restivo – anche a La Spezia Martina ha offerto un buon contributo. Ovviamente ha tanto da migliorare, ma fin qui è stata molto brava. Non è facile per una ragazza della sua età tenere il campo in Serie A2, ma lei non ha paura e non ne abbiamo nemmeno noi nel "lanciare" le giovani del vivaio in prima squadra. Mi piace inoltre sottolineare il bel clima che si respira in squadra: le giocatrici più esperte cercano sempre di aiutare le più giovani". Intanto il roster del San Salvatore si è allungato con l’innesto della playmaker Margherita Mataloni, che prima di essere schierata dovrà recuperare al meglio la condizione fisica: "Non è ancora pronta – spiega ancora il coach – ma lo sarà entro poco tempo. Il suo innesto si rivelerà prezioso per noi, perché ci consentirà di "risparmiare" Arioli dai compiti di regia e, al tempo stesso, darà a Denise Pinna l’opportunità di crescere senza eccessive pressioni. È una giocatrice giovane ma con un buonissimo bagaglio di esperienza, e le sue caratteristiche si addicono al tipo di pallacanestro che cerchiamo di applicare".

VIRTUS CAGLIARI. La "prima" stagionale è andata bene, anzi benissimo, per la Virtus Surgical Cagliari che ha vinto il derby cittadino contro il Cus Cagliari e, soprattutto ha messo in cascina i primi due punti del nuovo torneo di A2 femminile. E domani si riparte con il secondo turno di campionato e con l’esordio davanti al pubblico di casa. Un pubblico, accompagnato da una chiassosa, corretta e sportiva tifoseria (quella, per intenderci dei Diavoli della Sella) che sabato scorso in casa del Cus Cagliari ha vestito i panni del sesto uomo in campo, diventando, al pari delle ragazze decisivo per la vittoria finale. E lo sarà anche domani dalle 17 quando in via Pessagno ci sarà la palla a due nella sfida contro la Nico Basket Pistoia. La formazione toscana si presenta a Cagliari reduce dalla convincente vittoria interna di sette giorni fa contro l’Hight School Basket Lab di Roma. Un successo netto e meritato per la Nico che ha tutte le intenzione di ripetersi in terra sarda…Virtus Surgical permettendo, ovviamente. Tre gli elementi più pericolosi tra le toscane che non andranno sottovalutate da Georgieva e compagne in vista della gara di domani sera. Si tratta di Carolina Pappalardo, Klara Pochobradska e Maria Flora Lazzaro. Per loro quello contro le romane è stato, indubbiamente un esordio positivo. Klara Pochobradska è un’ala del 1989 della Repubblica Ceca ovvero una vera e propria spina nel fianco delle difese avversarie. Contro l’High School una prova perfetta fatta di18 punti in 31 minuti con il 55% da due punti (6 su 11) e 67% nel tiro pesante (2 su 3) e anche 7 rimbalzi all’attivo. Non è da meno Carolina Pappalardo giovane ala del 1996 di 181 centimetri d’altezza. Anche per lei contro le romane una serata da non dimenticare fatta di 18 punti di bottino finale, con una percentuale totale al tiro di 9 su 14 (64%). Precisione e forza per lei capace anche di emergere anche sotto le plance.

Altra giovane interessante della Nico Basket è la guardia Maria Flora Lazzaro. Con i suoi 173 centimetri è senza dubbio un’atleta davvero interessante e completa. Nella gara d’esordio della serie A2 femminile ha realizzato 15 punti con un 46% al tiro (6 su 13 da due), ma quel che  la fa diventare elemento pericoloso è dato dalla sua determinazione sotto le plance, capace contro Roma di catturare 9 rimbalzi (sette dei quali in difesa). Insomma, per domani si prospetta una sfida interessante e incerta sotto tutti i punti di vista. In casa Virtus ovviamente dopo i festeggiamenti per la vittoria nel derby in settimana si è ripreso a lavorare per preparare nel migliore dei modi la gara di domani sera contro la Nico Basket. Squadra indubbiamente caricata a mille e pronta a lottare come sempre per portare a casa il secondo successo stagionale. Per l’esordio casalingo tutte "arruolate" con Favento, Brunetti e Georgeva, tutte andate in doppia cifra nella sfida contro il Cus, pronte a ripetersi anche davanti al pubblico di casa.  Arbitreranno la sfida di domani sera (palla a due alle 17 in via Pessagno) i signori: Marco Ragionieri di Bologna e Alma Pellegrini di Cesenatico. In occasione delle gare di campionato del week end su tutti i campi, il presidente FIP Giovanni Petrucci ha disposto per il prossimo weekend un minuto di applausi su tutti i campi di ogni campionato in ricordo di Sveva Piattelli, la piccola cestista scomparsa lo scorso 30 settembre all'età di otto anni. "Il minuto di applausi" cita il comunicato della Federbasket, "è dedicato al coraggio con cui la piccola Sveva e i suoi cari hanno affrontato la malattia, e vuole abbracciare tutti i bimbi e le famiglie che tutti i giorni combattono contro ogni forma di patologia.