17 Marzo 2019 - Ignazio Caddeo

L´impresa non riesce: San Salvatore Selargius battuta in casa da Palermo 64-52

SELARGIUS - Il San Salvatore deve arrendersi all’Andros Palermo nel 24esimo turno della Serie A2. Le giallonere, guidate dalle buonissime prestazioni individuali di Brunetti e Lussu (15 punti a testa) hanno impensierito per larghi tratti la vice capolista del torneo, ma alla lunga sono state tradite dalla giornata negativa al tiro (20/54, 37% complessivo) e hanno dovuto incassare la quinta sconfitta consecutiva. Dall’altra parte la miglior marcatrice è stata l’ex Francesca Russo, a segno con 17 punti personali.I due attacchi faticano a trovare soluzioni semplici in avvio. L’Andros prova il primo allungo sul 3-7 con la tripla di Miccio. Il San Salvatore non replica, allora le siciliane si spingono fino al +9 sempre con Miccio approfittando delle numerose transizioni concesse. Coach Staico interviene con il timeout, ma le cose non cambiano granchè: al primo mini intervallo davanti ci sono le ospiti sul 9-18.

Nel secondo periodo le selargine beneficiano offensivamente dell’energia di Cicic, che con un paio di iniziative aiuta le sue a dimezzare lo svantaggio. Dopo essersi riaffacciato sul -5, però, il San Salvatore perde nuovamente terreno. Le palermitane pescano un’ottima Manzotti, che con due triple in fila in uscita dalla panchina porta l’Andros nuovamente alle soglie della doppia cifra di vantaggio. I punti di Brunetti e una bomba di Cicic permettono però alle padrone di casa di concludere con positività il primo tempo (26-32). Al rientro in campo le ospiti mantengono la testa del punteggio (altro piazzato di Miccio per il +10), ma perdono Cupido, mandata ko da una gomitata fortuita di Lussu. Il San Salvatore produce un nuovo sforzo che lo porta a riaffacciarsi sul 33-38 grazie all’unica tripla della serata di Arioli, ma l’attacco giallonero difetta di continuità. Staico e Coppa ricorrono alla difesa a zona, anche se il canovaccio della partita non cambia, e al 30’ l’Andros può contare su un vantaggio di 10 lunghezze (39-49). Negli ultimi dieci minuti le selargine provano a gettare il cuore oltre l’ostacolo con la solita, generosissima Lussu. Le energie, però, iniziano a venir meno, mentre dall’altra parte sale in cattedra Russo, autrice dei punti che permettono alla compagine ospite di blindare la vittoria sul 52-64.