3 Febbraio 2019 - Ignazio Caddeo

Supplementare fatale: la Dinamo cade in casa 103-98 con Brindisi

Seconda sconfitta consecutiva in campionato per i ragazzi di Esposito al termine di una gara giocata a ritmi alti e molto spettacolare

DINAMO  BANCO DI SARDEGNA SASSARI:  Spissu 22, Martis, McGee 18, Carter 15, Devecchi 3, Chessa, Magro 2, Gentile 3, Thomas 12, Polonara 15, Diop, Cooley 8. All.: Esposito

BRINDISI: Banks 26, Brown 7, Rush 5, Gaffney 2, Zanelli, Orlandino, Moraschini 14, Walker 20, Cazzolato, Wojciechowski 13, Chappell 16, Taddeo. All.: Vitucci

PARZIALI: 20-18; 43-47; 68-66; 91-91

SASSARI - Vince Brindisi dopo un supplementare per 103-98. Ma la Dinamo, al secondo ko di fila in campionato dopo quello con Varese (poi battuta mercoledì scorso in europe Cup) non ha certo demeritato. In avvio parte meglio Brindisi, che fa valere il fisico. In tutta risposta, Sassari alza il ritmo. Ne viene fuori una partita divertente, anche se si segna poco: al 5' il punteggio è sul 9-9. Spissu in grandissima fiducia spinge il Banco al massimo vantaggio sul 16-9, ma la Happy Casa non molla. Si va alla pausa sul 20-18. Una tripla di Walker riporta Brindisi avanti all'inizio del secondo quarto: 20-21. Comincia un testa a testa che va avanti per metà frazione. Al 15' le due squadre sono ancora in parità: 33-33. Sassari prova di nuovo a scappare e strappa sino al 41-35, ma gli ospiti si affidano a Banks per ribaltare l'inerzia della sfida. A metà partita gli uomini di Vitucci comandano: si va negli spogliatoi sul 43-47. Nella ripresa la trama del match resta la stessa. Le due squadre difendono alla morte e in area c'è sempre traffico. Il pubblico si adira con gli arbitri, Sassari si esalta e McGee la riporta avanti: 51-49. La partita resta tiratissima, nessuna delle due formazioni riesce a scrollarsi l'altra di dosso. A una sola frazione dalla fine il tabellone segna 68-66 per Sassari. Nell'ultimo quarto Sassari torna a +6 sul 77-71 firmato da Spissu, autore della sua miglior prestazione al tiro in carriera. Al 25' la Dinamo resta sopra 79-78. Si corre senza respiro sino alla sirena. Finisce 91-91 e si va ai supplementari: Brindisi è più lucida e vince.

Questo il commento a caldo di coach Vincenzo Esposito: "Abbiamo iniziato la partita in maniera soft difensivamente e con poca qualità nell’esecuzione dei giochi in attacco; ovviamente in questo momento abbiamo più difficoltà a lavorare su questi aspetti con i problemi di infortunio e le assenze e in un campionato di qualità come quello italiano non puoi non farti trovare pronto. Specie se affronti squadre che stanno vivendo un ottimo momento di forma come Brindisi paghi la poca qualità difensiva e offensiva, non si guardi ai 91 punti realizzati ma sono arrivati per giocate di talento di alcuni dei nostri giocatori mentre il nostro piano offensivo tende a sfruttare le qualità offensive dei giocatori ma inseriti in un sistema, sistema che oggi fa fatica su ambo i lati del campo. Quello che eravamo riusciti a costruire con il lavoro in palestra adesso è nuovamente in ritardo, l’avevamo messo in preventivo ma speri sempre di riuscire a portare a casa il risultato. Facciamo fatica perché abbiamo perso fluidità offensiva, aggressività difensiva e comunicazione offensiva. Cercheremo di usare la gara di coppa di mercoledì -compatibilmente con il recupero fisico dei giocatori- per provare a migliorare e crescere".