15 Aprile 2018 - Redazione Isola24Sport

La Dinamo torna al successo: espugnata Pistoia 80-69

PISTOIA: Della Rosa 4, McGee 10, Barbon, Mian 10, Gaspardo 13, Onuoha, Querci, Bond, Magro 5, Moore 12, Ivanov 9. All.: Esposito

BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Spissu, Bostic 16,  Bamforth 14, Planinic 4, Devecchi, Pierre, Jones 7, Stipcevic 3, Hatcher 20, Polonara 13, Picarelli, Tavernari 3. All.: Markovski

PARZIALI: 28-19; 40-32; 56-61

PISTOIA (TOSCANA) - La Dinamo Banco di Sardegna torna a sorridere. Pistoia battuta 80-69 al PalaCarrara. I padroni di casa partono forte piazzando un break con Dejan Ivanov di 7-2: a rompere il ghiaccio per gli isolani è Bamforth.  Botta e risposta dall’arco tra Bostic e Ivanov, il duello di ripete tra Mian e Bamforth. Pistoia vola fino a +12 con Magro, Hatcher negli ultimi possessi accorcia (28-19). Polonara e Tavernari aprono le danze nella seconda frazione: il giocatore brasiliano infila la bomba del -4. Ma Pistoia risponde con un break di 10-2 con Gaspardo, McGee, Moore e Magro. Bamforth ferma l’emorragia: in chiusura di primo tempo i sassaresi firmano un parziale di 7 lunghezze che li riporta in partita. Mian dalla lunetta chiude il secondo quarto 40-32. Al rientro dall’intervallo lungo la Dinamo Banco di Sardegna alza la testa e trova in William Hatcher punti e leadership per invertire l’inerzia del match.

I biancoblu rientrano con il fuoco negli occhi e bombardano con Bostic e Polonara. Hatcher suona la carica ai suoi: Jones e Bostic siglano il -1, poi l’ex Partizan prende per mano la squadra e, con un parziale di 11 punti di tre bombe e un canestro dalla media, firma sorpasso e scrive il +8. Il canestro and one di Gaspardo chiude la terza frazione 56-61. È un super Polonara, determinante su ambo i lati del campo, ad aprire l’ultimo quarto: l’alleyoop tra Bamforth e Jones fotografa l’energia e la voglia di riscatto degli isolani. La bomba di Polonair sigla il +12. Gaspardo, Laquintana e Moore accorciano, i giganti rispondono con Bostic dalla lunga distanza e Bamforth in lunetta. La quinta infrazione condanna Polonara alla panchina, Gaspardo accorcia per i suoi. Planinic e Bostic infilano i liberi che mettono in cassaforte la vittoria: la Dinamo torna a sorridere ed espugna il PalaCarrara. Il match finisce 69-80.