1 Dicembre 2019 - Ignazio Caddeo

Brescia degli ex Esposito e Brian Sacchetti battuta: la Dinamo si impone 76-70

I sassaresi dimentica la sconfitta di una settimana fa a Milano con un´altra grande prova

SASSARI - Stavolta il  parziale di 22-0 incredibile, in una terza frazione spettacolare, fa vincere il Banco di Sardegna. Privo di coach Pozzecco influenzato domina la Leonessa Brescia e la batte al PalaSerradimigni 76-70.  Tanti gli ex della sfida: coach Esposito, coach Baioni, Brian Sacchetti e Michele Vitali. Tra i bresciani indisponibile Ken Horton per una frattura alla mano, tutti a disposizione tra le file del Banco eccetto coach Gianmarco Pozzecco costretto a rimanere a casa a causa dell’influenza. Minuto di silenzio prima della palla a due in ricordo del presidente regionale del Coni Gianfranco Fara. Il confronto è aperto da Pierre in contropiede, Brescia subito impattante dall’arco, 2-6 in avvio. Mini break sassarese, Spissu ristabilisce gli equilibri, la Dinamo lavora bene in difesa con Pierre, Evans produce punti importanti, rotazioni per coach Casalone, la Leonessa risponde colpo su colpo, è il quarto delle difese, dopo 10’ è 15-15. Brescia prova ad allungare, la Dinamo a cronometro fermo rosicchia punti nonostante il 50% dalla lunetta nella seconda frazione, sul +4 ospite è timeout Banco. Biancoblu contratti, tecnico a Miki Vitali parecchio nervoso, la Leonessa scappa sino al +9, Marco Spissu si carica la squadra sulle spalle e insieme a Jerrells argina l’offensiva ospite ma è ancora minuto per coach Casalone, 25-34 al 16’. In casa Brescia si accende Abass, Evans riprende a segnare e si conferma top scorer del primo tempo (5/5 da 2), Laquintana manda a segno la sesta tripla di squadra su 12 tentativi, Bilan nel finale rende meno pesante il passivo, al 20 è 39-42.

Il Banco rientra in campo determinato, segna e difende, le triple di Spissu e Vitali scrivono parità e sorpasso, Brescia rimane inerme di fronte ad una Dinamo che risale pian piano e a cavallo tra primo e secondo tempo concretizza un parziale di 16-0, dal 34-42 al 50-42. Esposito chiama timeout, ma la Leonessa non si scuote, l’incredibile parziale prosegue fino al 22-0, Moss sblocca i suoi dopo 6’30’’ di blackout, 56-44 al 26’. La Leonessa prova a rialzare la testa con Moss ma è la serata di Spissu, 16° punto per lui, +11 Dinamo, Brescia rosicchia punti e al 30 è 61-54.   La Leonessa sembra non mollare, due bombe a testa di Gentile e Jerrells provano al 34’ a sigillare con largo anticipo il match, la panchina ospite sul 74-61 chiama timeout. Brescia lotta ma i giganti gestiscono bene il vantaggio nel finale e conquistano un’altra importantissima vittoria in chiave Final 8, al PalaSerradimigni finisce 76-70.

LE PAROLE IN SALA STAMPA DEL VICE POZZECCO, CASALONE. "Per prima cosa vi tranquillizzo sulle condizioni di Gianmarco Pozzecco che oggi non è riuscito ad essere della partita a causa di un virus. Copierei un po’ le sue conferenze perché a maggior ragione oggi i ragazzi sono stati strepitosi, a volte quando manca il capo allenatore si ha o poca tensione o si tende a strafare invece tutti hanno fatto una partita pazzesca. Nei momenti in cui non siamo riusciti ad esprimere la nostra pallacanestro è stato merito di Brescia che ci ha messo in difficoltà togliendoci punti di riferimento, complimenti ai nostri avversari. Noi siamo riusciti nonostante la mancanza di ritmo a rimanere in partita sul finire del secondo quarto e penso sia significativo il dato di 96 a 73 nella valutazione finale anche se il punteggio finale dice 76-70".