14 Marzo 2019 - Ignazio Caddeo

La Dinamo di Coppa è tutta un´altra cosa

Ora serve l´acuto in campionato in casa di Pistoia in campionato

SASSARI - Alla Dinamo la coppa fa bene. Lo ha dimostrato ancora una volta con il franco successo per 94-68 su Leiden che fa il paio con quella conquistata in Olanda solo una settimana fa. Il totale manda Sassari ai quarti della Fiba Europe Cup, turno nel quale si inizierà a fare sul serio con il Pinar Karsiyaka. Sulla gara di ieri le indicazioni sono quasi tutte positive, diverso è capire se le stesse siano attendibili dello stato di miglioramento della Dinamo di Pozzecco. Il successo netto sugli olandesi dimostra che Sassari può giocarsi le sue chance in questa quarta competizione internazionale. Vedremo se sarà così d'ora in poi dove le squadre rimaste saranno di un certo spessore e soprattutto ben superiori ai pur volenterosi olandesi del Leiden. La Dinamo è stata contenuta solo per la prima metà della gara, poi è venuta fuori tutta la differenza tecnica e fisica tra le due squadre, tanto da far lievitare il gap numerico. Un + 26 finale che fa ben sperare ma sul cui dato è meglio non illudersi. Il campionato per il momento offre ben altre rivali e non può essere paragonato al percorso fin qui affrontato dai sassaresi. Cosa rimane perciò dal successo sullo ZZ Leiden? Il dato che più conforta è aver tenuto a 68 punti gli avversari. La difesa ha funzionato dunque soprattutto nella seconda parte di gara, tenendo ferme le capacità offensive di cui Sassari ha dimostrato di non aver mai fatto difetto. Il giocatore mvp dell'incontro è stato Rashawn Thomas con 40 punti e 16 rimbalzi mentre Cooley, per contrasto, continua ad evidenziare problemi di rendimento che ormai sono ai limiti di guardia.

Smith e Spissu hanno confermato, nei rispettivi ruoli di titolare e back up, di avere raggiunto il grado giusto di affidabilità. Mcgee da segni di risveglio mentre Carter è ancora lontano da una condizione in grado di garantire continuità nel corso dei 40'.Nel dopo gara Pozzecco si è detto soddisfatto della gara dei suoi, soprattutto dell'atteggiamento determinato e divertito della seconda parte della gara. Può essere una ripartenza adeguata? La risposta è nella continuità e quella passa già dal prossimo impegno in campionato dove la Dinamo ha necessità di tornare al successo. Le cinque sconfitte consecutive hanno ricacciato i sassaresi fuori dalla zona play off ed ora se si vuole alimentare qualche speranza di post season bisogna andare a vincere a Pistoia. Proprio i toscani all'andata vinsero a sorpresa al PalaSerradimigni aprendo di fatto la prima crisi di questo campionato in casa Dinamo. E proprio contro Pistoia, deve e vuole ripartire Sassari. Un'altra sconfitta decreterebbe definitivamente il ridimensionamento delle ambizioni della squadra di Pozzecco. Questo è un appuntamento che non si può fallire. Il mese di aprile sarà decisivo: dopo Pistoia, le due gare casalinghe con Trento e Bologna (altre rivali alle prime otto poltrone) daranno risposte certe sul percorso di Sassari. Il Vedremo se anche sotto l'aspetto caratteriale i giganti biancoblu saranno in grado di reagire e di garantire una continuità di rendimento altrimenti altalenante.

MICHELE DETTORI