22 Giugno 2018 - Ignazio Caddeo

Presentate a Cagliari le finali nazionali Under 14 maschile e femminile

Una settimana di grande basket giovanile nell´isola

CAGLIARI - Presentata nella sala riunioni della Biblioteca regionale, l’edizione 2018 delle Finali Nazionali della categoria Under 14 maschile e femminile che si disputeranno a Cagliari, Selargius e Quartu Sant’Elena dal 24 giugno al 1 luglio 2018.  All’incontro hanno partecipato l’Assessore allo Sport del Comune di Cagliari Yuri Marcialis, in rappresentanza dell’Assessore regionale allo Sport Giuseppe Dessena è intervento il dott. Andrea Dettori, in rappresentanza dell’Assessore regionale al Turismo Barbara Argiolas è intervenuto il dott. Gianfranco Pisanu, e il presidente del Comitato regionale della Fip Bruno Perra.  Un evento, quello che inizierà domenica, assegnato dalla Federbasket nazionale al Comitato regionale della Fip,che porterà in città 20 squadre maschili e 16 femminili.  Si giocherà in cinque impianti diversi: il PalaPirastu a Cagliari, la Palestra Esperia a Cagliari in via Pessagno, la Palestra di via degli Stendardi a Pirri, la palestra dell’Antonianum Quartu in via Monsignor Angioni a Quartu Sant’Elena e, infine , la struttura geodetica di viale Vienna a Selargius.  Formazioni che arriveranno a Cagliari per conquistare lo scudetto di categoria, con la Sardegna rappresentata da tre squadre: due in campo maschile: S.A.P. Alghero e Esperia Cagliari e una tra le donne: il Basket 90 Sassari.

Queste invece le altre squadre. Nel tabellone maschile ci sono Oderzo Basket; Stamura Basket Ancona; Virtus Basket Alto Garda; Pallacanestro Calenzano; Lions Potenza; Nuovo Basket Aquilano; Viola Reggio Calabria; Azzurra Trieste; Ponte Vecchio Perugia; PGC Cantù; Canaletto La Spezia; Pallacanestro Cirè; Kiokobasket Caserta; Basket San Lazzaro; Aurora Brindisi; Stella Azzurra Roma; Alfa Basket Catania e Cestistica Campobasso, in quello Femminile GrandaCollage Cuneo; Libertas Sporting  Udine; Porto San Giorgio Basket; Pink Basket Terni; Basket Roma; Adriatica Basket Pescara; Le Mura Lucca; Mia Costa Masnaga; Dike Basket Napoli; Belvedere Basket Trento; Basket San Lazzaro; Reyer Venezia; I Delfini Monopoli; Virtus Eirene Ragusa; Basket Pegli. Sarà una settimana intensa che coinvolgerà non solo le società giunte alle finali, ma anche allenatori, dirigenti, arbitri, ufficiali di campo, organi di giustizia e funzionari. La dimensione dell’avvenimento attrarrà in Sardegna un considerevole numero di persone compresi i genitori dei ragazzi che, approfitteranno dell’evento per conoscere la Sardegna e le sue bellezze naturali, artistiche e gastronomiche.

Il primo a prendere la parola è stato l’Assessore allo Sport del Comune di Cagliari Yuri Marcialis che ha aperto il suo intervento portando i saluti del Sindaco di Cagliari Massimo Zedda, assente per impegni istituzionali, e far sentire la vicinanza dell’Amministrazione comunale per l’organizzazione di questa importante manifestazione. "Importante perché è un campionato italiano, perché è un torneo giovanile, e sullo sport giovanile è importante puntare ai grandi eventi come questo. Importante soprattutto per gli atleti che vivranno questo periodo e, il ricordo della città sarà legato indelebilmente alle finali nazionalidi Cagliari. Una settimana che, sono convinto i ragazzi e non solo si porteranno per sempre nel cuore. Ancora una volta ringrazio il Comitato regionale della Fip per il suo impegno che continua negli anni. È ancora vivo in tutti il ricordo della Nazionale di basket che la scorsa estate era presente in città, ma da via Rockefeller sede del comitato,in estate si lavora in preparazione al torneo giovanile per rappresentative di settembre e al City of Cagliari che porta in città, oltre alla Dinamo formazioni di altissimo livello. Un campionato nazionale che coinvolge non solo Cagliari con i tre impianti messi a disposizione, ma anche l’Area Vasta della città visto che si giocherà a Quartu Sant’Elena e Selargius. Spero che la manifestazione abbia un seguito importante di pubblico, perché lo merita e soprattutto ci aspettiamo una grande invasioni di ragazzi per tutta la città che sarà pronta ad accoglierli".

A seguire ha preso la parola Andrea Dettori in rappresentanza dell’Assessore allo sport della Regione Sardegna Giuseppe Dessena. "Nel portare i saluti dell’Assessore Dessena, ringrazio la Federbasket Sardegna per essere riuscita a portare in città questo particolare evento. Lo sport come ben sappiamo è un momento di crescita sia individuale che collettivo in cui la Regione Sardegna investe tantissimo. La ricaduta, nell’ospitare questo evento, non sarà solo sportiva, ma vista la presenza in città e non solo, di tanti ospiti per il periodo del torneo, ci sarà sicuramente tantissimo interesse verso le ricchezze artistico-culturale della città. Tutti avranno modo di poter apprezzare le risorse naturalistiche e turistiche della costa sud dell’Isola, ma anche la possibilità di visitare i siti culturali non solo della città di Cagliari ma dell’intera area metropolitana. Ringrazio tutto lo staff del Comitato regionale in particolar modo il presidente Bruno Perra, perché sono convinto, è faticosissimo organizzare eventi di questi tipo e di questa portata, ma mi auguro che se ne possano organizzare in futuro altri di questo calibro o addirittura maggiori".

I saluti anche da parte del dott. Gianfranco Pisanu in rappresentanza dell’Assessorato regionale al Turismo. "Porto ovviamente i saluti dell’Assessore Argiolas che augura un grosso in bocca al lupo a tutti i ragazzi. La ricaduta sul territorio è ampia, visto il considerevole numero di presenze in un’area che offre davvero tanto a livello culturale e turistico. Lo sport, soprattutto in questo caso aiuta tantissimo e ovviamente siamo soddisfatti di essere stati coinvolti in questa manifestazione e buon basket a tutti". Subito dopo il microfono è stato affidato al presidente del Comitato regionale Bruno Perra. "E’ una manifestazione che vedrà il coinvolgimento di 36 formazioni provenienti da tutte le regioni d’Italia. Credo che manifestazioni di questo genere in Sardegna si sono viste poche volte. Ci saranno circa 700 atleti, 40 arbitri provenienti da tutte le regioni d’Italia, gli istruttori e tantissimi genitori al seguito dei loro figli. Abbiamo ipotizzato circa 16 mila presenza in otto giorni di gare. Questo che assegneremo è il primo scudetto italiano a livello giovanile sia maschile che femminile.Vederemo i migliori giovani di quell’età che si vedono in Italia. Alcuni di loro potrebbero giocare un domani in serie A e anche in Nazionale.  I numeri dell’evento sono davvero alti, si pensi che solo per gli alberghi abbiamo prenotato circa 400 camere. Dietro questa manifestazione c’è un indotto pazzesco fatto di genitori che accompagnano i loro figli. Credo che ci sia una ricaduta importante anche sul territorio. Siamo riusciti ad avere questa manifestazionenonostante le criticità derivanti dai trasporti e dalla logistica, ma siamo riusciti a superare anche questi aspetti. Si giocheranno tantissime partite, ed è stata obbligatoria la scelta di cinque campi coinvolgendo anche Quartu Sant’Elena con l’Antonianum e Selargius nell’impianto del San Salvatore.  Si comincia domenica con le gare del primo turno maschile e poi via via verso le finali del 30 giugno (donne) e 1 luglio (uomini). Lunedì sera poi al PalaPirastu la cerimonia di inaugurazione della manifestazione (ore 19,30) con tutte le squadre che invaderanno l’impianto cagliaritano. Sarà una grande festa alla quale siete tutti invitati".