11 Marzo 2018 - Redazione Isola24Sport

Tirreno-Adriatico 2018: tappa a Yates nel ricordo a Scarponi, Aru sottotono

FILOTTRANO (MARCHE) - Adam Yates ha vinto la Tappa 5 della Tirreno-Adriatico NamedSport, da Castelraimondo a Filottrano di 178 km, frazione dedicata a Michele Scarponi. Michal Kwiatkowski è la nuova Maglia Azzurra. Decimo e miglior italiano Damiano Caruso, che nella generale è ora a 3" dalla maglia blu di leader. È stata in particolare la Astana, prima con un inesauribile Dario Cataldo e poi con Alexei lutsenko, a cercare un successo che avrebbe avuto un significato davvero denso di emozioni forti. Il vincitore di tappa, Adam Yates, subito dopo l'arrivo, ha dichiarato: "Mi sento bene, avevo provato anche nelle tappe precedenti raccogliendo un secondo posto. Oggi la squadra ha lavorato benissimo, mi hanno portato in posizione ottimale sull'ultimo strappo e ho potuto attaccare. Dopodichè ho dovuto solo continuare a spingere per tenere dietro il gruppo. Mio fratello ha vinto ieri alla Parigi-Nizza...questo mi ha dato ulteriore motivazione. Peccato per la caduta nella seconda tappa, altrimenti oggi sarei in ottima posizione nella Classifica Generale".

Per Fabio Aru è una Tirreno/Adriatico 2018 altalenante. Ieri il villacidrese è stato autore di una grande azione nel finale, che sembrava poterlo lanciare verso una bella rimonta nella generale. Invece oggi ha di nuovo ceduto, arrivando sul traguardo in ventunesima posizione, ma a 38" dalla vetta, che lo mette fuorigioco per la vittoria finale. Domani sesta tappa da Numana a Fano, di 153 chilometri. Si torna verso il mare e tornano protagonisti, sulla carta, i velocisti. La prima parte di corsa presenta ancora i tipici saliscendi tipici dell’entroterra ma il finale è completamente pianeggiante, per favorire gli uomini-jet, che hanno una seconda occasione per provare ad alzare le braccia al cielo.